Max Ciogli, artista e compositore

 

Artista visivo e compositore sperimentale, si laurea in Accademia di Belle Arti di Perugia e in Industrial Design a Camerino. Attraverso la realizzazione di software dedicati, Ciogli apre con le sue opere nuovi confini elaborativi e percettivi: la sua arte crea nuovi linguaggi dentro cortocircuiti multisensoriali. Le sue installazioni vedono pitture e disegni colorarsi attraverso il suono ambientale o attraverso le note del movimento del corpo. Questo il centro del suo lavoro a cui si aggiunge lo sviluppo di nuove metodologie per l’insegnamento della musica. MusìCroma è infatti il primo metodo di musica a colori d’immagine realizzato dall’artista applicando il suo linguaggio all’interno dell’Istituto Statale Sordi di Roma dove persone anche persone sorde si esprimono e comunicano attraverso questa innovazione divenuta nel 2013 un brevetto mondiale. CIOGLI attualmente, dopo le sue numerose esposizioni sia nazionali che internazionali, realizza progetti Museali che uniscono il linguaggio artistico alla sua funzione didattica, completando le sue installazioni interattive con il metodo didattico come introduzione e sviluppo di laboratori all’interno dell’opera stessa. Ne sono un esempio le installazioni realizzate presso il Museo di Palazzo Collicola in Spoleto, il Museo Mart di Trento e Rovereto, la King’s Cross Academy di Londra il Museo MARCA di Catanzaro, il MUSEO MACRO DI ROMA.

Dal 2003 al 2005 lavora come industrial designer per Imetec e Guzzini. A partire dal 2008 realizza le prime mostre-concerto tra musica e pittura. Nello stesso anno vince il Primo Premio Internazionale di Pittura Vitakraft. Nel 2010 fonda con Marco De Biasi il Gruppo di Ricerca Artistica SIN-E (sintesi sinestetica). Sempre nel 2010 è finalista all’importante Premio Arciere di Vittorio Sgarbi. Tra 2011 e 2012 realizza una serie performance e installazioni in cui presenta l’innovazione del software artistico Paint Soud  tra cui “Pittura dinamica del suono” ad Uno mattina (Rai Uno) l’installazione interattiva per “PPP – Pier Paolo poeta delle ceneri” (Auditorium Parco della Musica, Roma), l’installazione sinestetica “Nuova memoria” sulla Rocca Albornoziana di Spoleto e Nuova memoria alla Emmeotto Living Gallery di Roma. Nel 2013 presenta il progetto istituzionale  “MusìCroma”, e realizza la sua prima personale museale a Palazzo Collicola Arti Visive a Spoleto. Due mesi dopo presenta l’opera teatrale “Nuova memoria:3” al programma ufficiale del Festival dei Due Mondi. E’ Finalista al Premio Biennale Bonatto Minella di Torino. Realizza alcune importanti installazioni “site specif”  presso il MAAM Roma e al First Art Luxury Hotel di Roma (in collaborazione con Galleria Mucciaccia). Nel 2014 entra nella Collezione permanente 2.0 di Palazzo Collicola Arti Visive di Spoleto,  presenta la prima  installazione didattica interattiva “Memoria Suono Colore” al Museo Mart di Trento e Rovereto e piu tardi entra con una sua opera nella collezione storica del Ministero Italiano della Farnesina.

Nel 2015 UNENXPECTED a Londra apre ad un ciclo di mostre progetto site specific interattive a livello mondiale. Sempre a Londra nel 2016 si per Frieze Art Fair mentre presenta le sue nuove macchine sinestetiche presso SPAZIO 0 in Buenos Aires e presso lo Studio 19 di Roma. Nel 2017 inaugura il suo nuovo studio sperimentale londinese presso la King’s Cross Academy e Oak School Lodge dove elabora nuove forme di arte applicata in connessione con l’equipe di sviluppo InTAD a Buenos Aires.

Nel 2018 Fonda Spiritland Cities insieme a Alberto Abidotti con cui le opere interattive diventano un tour cittadino.